icona_sezio_faq23Vorrei avere informazioni specifiche sulla policistosi ovarica (cause, significato, sintomi, cure, tempi di guarigione, altro).

La policistosi ovarica o PCO è una sindrome che viene così definita: "associazione di iperandrogenismo con anovulazione cronica in donne senza sottostanti disturbi a livelli ipofisario o surrenalico". In parole povere deve essere presente una situazione di anovularietà (cicli senza ovulazione), ed iperandrogenismo, ossia eccesso di ormoni maschili. In realtà oggi la nosologia é un pò cambiata riferendo come possano essere presenti anche solo alcuni sintomi della sopracita sintomatologia. Si riconosce, grazie alle migliorie delle tecnologie ecografiche, anche molta importanza alla diagnostica per immagini.

La situazione disfunzionale in genere comporta amenorrea (mancanza di mestruazioni), od olimenorrea (mestruazioni infrequenti) perdita eccessiva di capelli, acne, obesità. La vera PCO polisindromica è una sindrome relativamente rara, e nosologicamente dovuta ad un serio disturbo dell'asse ipotalamo-ipofisi, ossia relativa ad un disturbo nel "quartier generale" del controllo della funzionalità ormonale. 

Attualmente grande rilievo ha assunto il ruolo degli squilibri insulinemici, ossia dei disturbi che fanno produrre alla donna più insulina del necessario, in genere per motivazioni genetiche. Questo eccesso pulsatile di insulina viene inadeguatamente letto dall'ovaio come eccesso di un altro ormone, comportanto tutta la sequela sindromica descritta.

Molto frequente, e talora confusa con la PCO, è la constatazione di un ovaio "multifollicolare", ossia con più follicoli (i progenitori della zona dell'ovaio che dovrà espellere la cellula uovo), dovuti a disturbi funzionali molto comuni in età giovanile, soprattutto dove esistano altri squilibri funzionali. Molto spesso questa situazione è dovuta a fenomeni psicogeni correlati quali eccessiva emotività, a disturbi della sfera alimentare, del ritmo sonno-veglia. o più semplicemnte ad un fisiologico sviluppo della fase adolescenziale. In quest'ultimo caso la patologia potrà essere affrontata molto semplicemente con l'assunzione di estro-progestinici (pillola) a basso dosaggio, o migliorando la qualità di vita della paziente. Nel caso della vera e propria PCO potrà rendersi necessario per la parte sintomatica l'utilizzo di pillole con caratteristiche antiandrogeniche o a pillole a basso dosaggio associate a farmaci antiandrogenici, mentre per la fase risolutiva a terapie specifiche in relazione alla diagnosi effettuata, come ad esempio la metformina per gli iperinsulinismi.
La invito a consultare questa sezione del WebBook, dove l'argomento é ampiamente trattato  per ulteriori approfondimenti.

 

 

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Il Dr. Giovanni Gallo e AWOG non sono responsabili degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni. Il Dr.Giovanni Gallo e AWOG riportano, oltre ad articoli originali, testi ed informazioni provenienti da altri siti non modificandone i contenuti nel rispetto delle vigenti normative, ne pubblica sempre la fonte e laddove indicato segnala l'autore dell'articolo. In caso di presunta violazione del copyright vi invitiamo a contattarci e provvederemo immediatamente alla rimozione del materiale pubblicato.